Archivi Blog

Perché devo andare a Messa?

NONNO MI SPIEGHI

Nonno, Nonno, io ho capito che la fede in Gesù è importante, però la mamma insiste che io faccia sempre le preghiere e mi costringe ad andare a Messa anche quando non mi va. Mio papà la sgrida, dicendo che non mi deve costringere, che deve lasciarmi completamente libero di decidere quando e come pregare. Chi tra di loro ha ragione?
Non ti dirò chi di loro ha ragione e chi ha torto, ma voglio leggerti una parte del capitolo 10 del Vangelo di Marco per aiutarti a riflettere: «Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: “Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso”. E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro» (Marco 10,13-16). Leggi il resto di questa voce

Quando è meglio mordersi la lingua

donneLe volte più pericolose sono quando si comincia con «non è per sparlare, eh…», o anche con il micidiale «non vorrei giudicare ma…». Allora sì che il rischio è grave.
Come ha detto papa Francesco, si comincia parlando magari benevolmente di qualcuno, si finisce regolarmente per spellarlo. Che poi lei non voleva, non voleva proprio far notare che quella persona che l’ha criticata ha quei due o tre chiletti di troppo, e forse guardando bene sono anche dieci… «Magari è bella dentro». C’è la pericolosa gara di mamme («non ho investito tanto sui miei figli per vedere assegnata a un mio virgulto la parte della pecora alla recita di Natale, noi ci meritiamo dall’angelo in su!»), la gara dei bravi cristiani («eh, quello viene a Messa, ma detto fra noi…»), la gara al lavoro e in tutti gli altri ambiti in cui dobbiamo vivere accanto ai fratelli. Perché essere figli di Dio ci piace un sacco, ma essere fratelli è così fastidioso… Leggi il resto di questa voce